Il cibo come medicina prese forma con gli studi di Ippocrate, anche se costui era convinto che una perfetta esistenza umana non si basasse solo su un consumo passivo, ma che i prodotti offerti dalla natura dovessero essere migliorati, raffinati e bilanciati.

L’antica morale greca della temperanza, orientata alla “giusta misura” è ben espressa dalla parola askesis, che porta con sé l’originale senso dell’esercizio.

Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn